La Nostra Storia

Passione, Dedizione,

attenzione al Dettaglio.

La storia della coltivazione della vite in Calabria ha origine fin dall’epoca della Magna Grecia; da tali coltivazioni derivò il nome di Enotria (“palo di vite” e poi “terra del vino”) attribuito a tutta la Calabria dagli antichi greci.

La produzione di

Uva in Calabria

Nel 1783, Giuseppe Maria Galanti, economista, storico, politico, letterato, editore e viaggiatore italiano, esponente dell’illuminismo napoletano, segnalava i vini eccellenti di Tropea, che all’epoca venivano commercializzati anche al di fuori della regione.

La frazione Brattirò, comune di Drapia, distante circa tre chilometri da Tropea, sorge su un altipiano di 250 metri dal livello del mare; la conformazione del territorio con una posizione prominente sul Tirreno regala un microclima eccellente generato da brezze di mare e di terra, ambiente ideale per una produzione viticola di elevata qualità.

Chi Siamo - La nostra storia - Cantine Rombola

Alfonso Rombolà

Nato a Drapia il 5 gennaio 1950 e residente a Milano; ha conseguito nell’anno accademico 1978 la laurea in Scienze Agrarie presso l’Università Statale degli studi di Milano; in seguito, nell’anno 1980, ha ottenuto la specializzazione in Viticoltura e Enologia con una tesi in “Rilievi sull’ “olivetta vibonese coltivata nella provincia di Catanzaro” presso la facoltà di agraria dell’Università degli studi di Torino Fondazione Dalmasso, con relatore prof. Italo Einard, direttore del corso e della Fondazione. La Fondazione Dalmasso era, già all’epoca, riconosciuta per particolare prestigio e importanza in quanto unica facoltà di agraria in Europa con specializzazione post universitaria in enologia e viticoltura, nonché istituto altamente selettivo con partecipazione massima ed esclusiva di dieci candidati italiani all’anno.

Il dott. Alfonso Rombolà ha in seguito intrapreso la carriera di imprenditore, specialmente nel settore real estate. Nel corso degli anni ha comunque continuato a coltivare la passione per l’enologia e la viticoltura con continui forte anche di frequenti collaborazioni con l’enologo Saviotti, con l’Azienda Enologica di Silvano Voerzio (Cherasco – CN) e con l’Azienda Agricola Prago di Testori Angelo (Santa Maria Della Versa – PV).

Inoltre ha continuato a seguire l’Università di Torino ed il il C.N.R. (Centro Nazionale di Ricerca), con il prof. Franco Mannino, la dott.ssa Anna Schneider e il dott. Vittorino Novello.